5 Sensi In Viaggio: ROATAN

 

Rise up this mornin’, 
Smiled with the risin’ sun, 
Three little birds 
Pitch by my doorstep 
Singin’ sweet songs 
Of melodies pure and true, 
Sayin’, (“This is my message to you-ou-ou:”) 
:: Three Little Birds – Bob Marley (1977) ::

Ieri sera per puro sbaglio [Lo giuro!!!] mi sono trovato a guardare uno spezzone dell’Isola dei famosi e fortunatamente questo inconveniente è durato la manciata di qualche secondo. Tuttavia mi ha fatto tornare alla mente la fantastica settimana trascorsa proprio al largo delle coste dell’Honduras e più precisamente sulla Fantasy Island di Roatan!
Il tutto in un’atmosfera molto reggae style!!!
Buona lettura & buon ascolto » …

Quando… Giugno 2006



Cosa… Iguana Farm, Oak Ridge, Punta Gorda, Hole In The Wall



Dopo aver vistato la Repubblica Dominicana, Messico e Cuba ero alla ricerca di un altro paese caraibico da visitare che, in una sola settimana [Limitatissimo budget temporale a disposizione… Dannato lavoro…], mi permettesse di coniugare mare [D’obbligo!!!] e scoperta del territorio…
Guarda e riguarda e alla fine la scelta è ricaduta su un’isola al largo delle coste dell’Honduras: un paese a me totalmente sconosciuto, una meta mai presa in considerazione ma che sin dalle prime info recuperate su internet aveva scatenato la mia curiosità… Curiosità soddisfatta a pieno!!!
Un’intera settimana in un vero e proprio paradiso per gli amanti delle acque cristalline… Un’oasi di pace [Una spiaggetta a mezzaluna interamente a nostra disposizione], un panorama da toglierti il fiato ad ogni ora del giorno e molto molto altro… Siete curiosi?!?!? Allora salite a bordo e buon viaggio!!!


LA VISTA

  • 1° Parte: Svegliarsi la mattina… Sciacquarsi al volo la faccia… Uscire fuori sul balcone e rimanere ammaliato dalla bellezza del panorama: una piccola spiaggetta, sabbia bianca e un meraviglioso mare dalle mille tonalità di azzurro…. Voglio vivere così…
  • 2° Parte: Tuffarsi in quel meraviglioso mare dalle mille tonalità di azzurro e scoprire una piccola barriera corallina, molto affollata, a poche decine di metri dalla spiaggia. Un vero paradiso per gli amanti dello snorkeling a portata di mano.

L’UDITO

  • Il rumore del motore della barchetta che si perde tra le piante di mangrovie e tra le case di Oak Ridge… Un tripudio di colori direttamente sull’acqua.
  • I cori di quattro italiani, capaci di mettere in riga i 20 “made in USA” stipati davanti al minuscolo televisore dell’hotel. L’amore per la maglia azzurra non ha confini… Se poi parliamo del meraviglioso Mondiale 2006, tutto assume un altro sapore.
  • Il baccano decisamente fastidioso, soprattutto alle prime ore del mattino, creato dalle scimmiette intente a litigarsi il cibo! La mia personalissima sveglia per un’intera settimana.

L’OLFATTO

  • L’odore di citronella, di Autan, di Off e di qualunque altro repellente naturale o meno che, all’ora del tramonto, creava una scia anti mosquito.
  • [Sensazione condivisa con il Gusto] L’odore della brace che annuncia l’arrivo in tavola di un’ottima bistecca di angus al sangue.

IL GUSTO

  • L’odore della brace che annuncia l’arrivo in tavola di un’ottima bistecca di angus al sangue… Una goduria immensa… Senza dimenticare le cipolle e le patate al cartoccio, degni accompagnatori della nostra bistecca made in Argentina.
  • Indossare un bel bavaglino… Armarsi di un utile martelletto per distruggere il carapace… Gustarsi degli ottimi granchi e dell’ottime aragoste, il tutto annaffiato da un buon vino bianco e dagli schizzi del mare che, dopo aver sbattuto sugli scogli, arrivavano a farci compagnia a tavola.

IL TATTO

  • La pelle ruvida delle iguane. Una mano che si allunga per offrire loro qualcosa da mangiare e l’altra che tenta il primo approccio. Un animale dai tratti preistorici che in prima battuta può incutere timore, ma che alla fine si dimostra essere un vero e proprio coccolone… Provate ad accarezzare la parte inferiore del corpo e vedrete la sua reazione tutta da ridere.
  • La temperatura incandescente del cassone del pick up e i 1000 modi per non rimanerci troppo a contatto! Un bel modo di andare alla scoperta dell’isola.
  • Regola N° 1: Anche dopo 5 giorni di sole, quando ormai pensi di essere abbronzato il giusto, mai abbandonare la crema solare ad altra protezione per passare alla Nivea… Risultato: vietato ogni contatto tra il mio corpo e le lenzuola, tra il mio corpo e qualsiasi indumento…
    La mano delicata di mia mamma che ricopre ogni zona ustionata del mio corpo con kili e kili d crema Prep.
  • Regola N° 2: L’Honduras è spettacolare… I mosquito un pò meno…
    Le manate date e quelle prese che uccidere/scacciare questi invasori alieni che, all’ora del tramonto, arrivavano in massa a rompere le palle.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...